INFO
INFO
CONTATTACI
CONTATTI
ACCOUNT IL TUO ACCOUNT
ACCEDI ACCOUNT
CARRELLO nessun prodotto
CARRELLO
CATALOGO PRODOTTI
CHIUDI
INDIETRO
ALTRE ATTIVITÀ
CHIUDI
HAI BISOGNO DI AIUTO? Orari: Lun-Ven 9.00-13.00 15.00-18.00
CHIUDI
Scrivici su Whatsapp
+39 324.56.51.492
Scrivici su Facebook
Messenger
AREA CLIENTI
CHIUDI
Vuoi creare un account?
Maggiori Informazioni
Salvando i tuoi dati non dovrai inserirli ogni volta che acquisti.
SI, MI VOGLIO REGISTRARE
Accedi con il tuo account
ACCEDI
CARRELLO
CHIUDI
CARRELLO VELOCE
CHIUDI
Carrello vuoto Aggiungi almeno un prodotto al carrello per andare alla cassa.
Spedizioni comprese nei prezzi dei prodotti
Consegna veloce Italia/Europa 24h

Da dove provengono le pecore usate per la produzione degli arrosticini "abruzzesi"?

Questo è un tema serio a cui abbiamo deciso di dedicare un'intera pagina e sul quale vogliamo offrire il massimo della trasparenza. L'biettivo è quello di farti capire la storia degli arrosticini e la qualità del lavoro che facciamo per garantire il TOP DI GAMMA, 365 giorni all'anno.

La risposta diretta è questa:
Le pecore sono di nazionalità europea, nel nostro caso italiane, francesci ed irlandesi (le migliori sul mercato)

La spiegazione è più lunga, andiamo per punti:

1. Qual è il problema? Perché non si usano solo pecore italiane?
Semplice e banale: le pecore abruzzesi (o genericamente di provenienza italiana) non bastano a soddisfare neanche il fabbisogno regionale, figuriamoci quello nazionale.
La verità è che questa situazione non è recente ed i produttori, per ovviare a questo problema, importano capi di allevamento dall'estero da molti anni ormai.
In Italia non ci sono abbastanza spazi per allevare il numero di pecore necessarie a soddisfare il mercato nazionale. Si tratta di un dato incontrovertibile.

2. Ma la qualità? Spesso le pecore estere sono migliori
Anche qui c'è molta disinformazione, attribuendo al "non italiano" una scarsa qualità si cade in errore, ma entriamo nel merito.
Le pecore destinate alla produzione di carne da arrosticini sono capi da allevamento non sfruttati per la produzione di latte, significa quindi che non è stato realizzato nessun prodotto caseario con quelle pecore.
Questo fa si che le percentuali di massa magra e grassa dei capi siano ottimali per la produzione di arrosticini. Queste pecore vengono definite di "Categoria 3 e 4" e le migliori in assoluto sono solo in alcuni allevamenti italiani (pochi purtroppo) ed in allevamenti francesi ed irlandesi.

3. Ok ho capito, ma allora non sono arrosticini "abruzzesi"... certo che lo sono!
A questo punto sarebbe come dire che la pizza è napoletana solo se il pomodoro e la mozzarella sono campani. Ovviamente non è così, perché un buon prodotto alimentare è fatto da 2 cose:
- la prima sono le materie prime di qualità;
- la seconda sono le tecniche e la tradizione di lavorazione.
Ciò che rende un arrosticino abruzzese sono le aziende del nostro territorio, aziende che per 30/40 anni hanno realizzato i migliori arrosticini in commercio, passando anche di generazione in generazione.

4. Tutto chiaro, però io voglio sapere la provenienza prima di acquistare.
La tracciabilità e i lotti delle materie prime è da noi controllata in maniera puntuale e severa ogni settimana.
Pubblichiamo nelle nostre schede prodotto la provenienza del lotto come indicato nelle etichette legali dei prodotti stessi.

A questo punto speriamo di averti spiegato con chiarezza questo aspetto molto importante del mondo degli arrosticini e di averti tranquillizato sulla genuinità dei prodotti.